Elettronica verde

Ogni anno centinaia di migliaia di vecchi computer e cellulari vengono smaltiti nelle discariche o negli inceneritori. Migliaia di rifiuti elettronici prodotti in Europa, Stati Uniti, Giappone vengono anche esportati, spesso illegalmente, in Asia e Africa. In questi paesi i lavoratori, anche giovanissimi, toccano a mani nude i rifiuti, esponendosi a un cocktail di composti tossici e veleni.

L’attuale tasso di crescita degli scarti tecnologici creerà una crisi di grandi proporzioni a meno che i produttori non si impegnino in maniera adeguata. La produzione di prodotti privi di sostanze pericolose, durevoli, in grado di essere migliorati, riciclati o smaltiti in correttezza è possibile. E consentirebbe un fine vita dei prodotti di consumo senza pericoli per nessuno. Neanche per i più poveri.

Da anni, Greenpeace fa pressione sulle aziende hi-tech per rendere le loro produzioni più sostenibili grazie alla pubblicazione periodica dell’Eco-guida ai prodotti elettronici verdi. Siamo riusciti a tenere alta la pressione verso questo comparto industriale anche grazie alla denuncia di casi di esportazione illegale di rifiuti tecnologici verso i Paesi in Via di Sviluppo.

Gli ultimi aggiornamenti

 

I colori di Benetton? Ora più brillanti… senza sostanze tossiche!

Blog di Chiara Campione, campaigner | 2013-01-16 2 commenti

Era ora che la nostra campagna internazionale Detox contagiasse anche casa nostra. In fondo siamo o no il  paese della moda? La buona notizia di oggi è che Benetton si impegna a eliminare le sostanze chimiche pericolose dalle proprie...

Costa Concordia. Come un mostro di metallo nel mare

Blog di Alessandro Giannì, direttore delle Campagne | 2012-01-19 4 commenti

Da anni volevo tornarci, al Giglio. Ma non così. Per fare qualche bella immersione, qualche foto, in un mare famoso per la sua bellezza. Adesso ci arrivo con un mostro di metallo, trecento metri di bianco che spiccano, da lontano,...

Incidente nel Santuario dei Cetacei: rifiuti tossici in mare

Blog di Alessandro Giannì, direttore delle Campagne | 2012-01-11 1 commento

Cosa ci faceva una nave carica di materiale inquinante nel bel mezzo del Santuario dei cetacei con un mare forza 9/10 e onde di 10 metri? La storia delle 45 tonnellate di catalizzatore Co.Mo (cobalto-molibdeno) disperse dall’...

Santuario dei cetacei. A febbraio un tavolo tecnico per salvarlo

Blog di Vittoria Polidori, campaigner Inquinamento | 2011-12-22 3 commenti

Ogni promessa è debito. Lo scorso ottobre eravamo in    contemporanea a Genova e Firenze per chiedere ai Presidenti di Regione di salvare il Santuario dei Cetacei , un tratto di mare dell’alto Tirreno che da dieci anni attende di...

Rifiuti senza confini

Blog di Federica Ferrario | 2011-12-13 2 commenti

Le vicende legate alla bonifica della ex Sisas di Pioltello-Rodano sono la dimostrazione che la gestione emergenziale di bonifiche e rifiuti è una strada assolutamente fallimentare. Greenpeace ha cominciato a occuparsene lo...

Rifiuti hi-tech. L'Ue interroga l'Italia. Grazie a Greenpeace!

Blog di Vittoria Polidori, campaigner Inquinamento | 2011-09-16

Il poco interesse del nostro ministero dell’Ambiente rispetto alle richieste di Greenpeace sull’applicazione della direttiva ‘rifiuti elettronici’ in Italia è risaputo. E che dovessimo rivolgerci alle istituzioni europee per avere un...

VIDEO-INCHIESTA SUI RIFIUTI ELETTRONICI

Blog di Vittoria Polidori | 2010-08-06

1,2,3…al via la raccolta dei rifiuti elettronici! Ebbene si, il 19 giugno è entrato finalmente in vigore il decreto “uno contro uno” che obbliga i negozianti a ritirare – a titolo gratuito - il vecchio apparecchio elettronico al...

1 - 7 di 7 risultati.

Categorie