Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Fuori dal nucleare

Greenpeace ha sempre combattuto con forza – e continuerà a combattere –l’energia nucleare perché rappresenta un rischio inaccettabile per l’ambiente e l’umanità. L’unica soluzione è fermare l’espansione della tecnologia nucleare, e la chiusura degli impianti esistenti.

Abbiamo bisogno di un sistema energetico che combatta i cambiamenti climatici, fondato sulle fonti rinnovabili e sull’efficienza energetica. La fonte nucleare, già oggi, produce a livello globale meno energia delle fonti rinnovabili, e il suo contributo continuerà a scendere nei prossimi anni.

Al contrario di quanto l’industria nucleare e L’ENEL ci raccontano, costruire abbastanza centrali nucleari per ridurre in modo sensibile le emissioni di gas serra ci costerà miliardi di euro, produrrà decine di migliaia di tonnellate di scorie altamente radioattive, contribuirà alla proliferazione militare e non è immune da rischi di incidenti gravi e gravissimi. Inoltre, prosciugherà le risorse economiche necessarie a perseguire le vere soluzioni per evitare i cambiamenti climatici.

Nuclear power plants are, next to nuclear warheads themselves, the most dangerous devices that man has ever created. Their construction and proliferation is the most irresponsible, in fact the most criminal act ever to have taken place on this planet

Patrick Moore, Assault on Future Generations, 1976

L’Era Nucleare ha avuto inizio nel luglio 1945, quando gli USA sperimentarono la prima bomba atomica vicino ad Alamogordo, in New Mexico. Pochi anni dopo, nel 1953, il presidente Dwight D. Eisenhower lanciò all’ONU il suo programma “Atoms fo Peace” (“Atomi per la pace”), suscitando uno sfrenato ottimismo.

Ma, come sappiamo, non c’è niente di pacifico a proposito del nucleare. Più di mezzo secolo dopo il discorso di Eisenhower il Pianeta si trova a combattere con l’eredità delle scorie nucleari, e di qualche incidente disastroso come quello di Cernobyl. E questa eredità inizia a essere riconosciuta per quella che è realmente.

Le cose si muovono lentamente nella giusta direzione. Nel novembre del 2000, infatti, il mondo ha riconosciuto il nucleare come un’energia sporca, pericolosa e non necessaria, rifiutando di assegnare a questa fonte i crediti anti-emissione di gas serra durante la Conferenza ONU sui cambiamenti climatici dell’Aja. E un altro duro colpo è arrivato l’anno seguente, quando la Conferenza ONU sullo sviluppo sostenibile si è rifiutata di etichettare il nucleare come una “tecnologia sostenibile”. I rischi provenienti dal nucleare sono reali, consistenti e di lunga durata.

Visita il sito Nucleare: il problema senza la soluzione

Gli ultimi aggiornamenti

 

La costruzione del nuovo sarcofago di Cernobyl a 29 anni dall’incidente

News | 24 aprile, 2015 a 17:35

A 29 anni dal peggior disastro nucleare della storia, quello di Cernobyl, il reattore danneggiato costituisce ancora un pericolo. Ecco, riassunta in 11 punti, la situazione oggi.

Quattro anni fa il disastro nucleare di Fukushima. Tu dov’eri?

Blog di Greenpeace | 11 marzo, 2015 2 commenti

Quattro anni fa il mondo ha assistito con orrore, attraverso gli schermi televisivi, all’esplosione delle centrali nucleari di Fukushima Daichii e all’ emissione di scorie radioattive nell’aria e nel mare . Per commemorare questo ...

Fukushima, 4 anni fa il disastro nucleare

Pubblicazione | 9 marzo, 2015 a 11:26

A quattro anni dal disastro nucleare di Fukushima, che si verificò l’11 marzo 2011 con la fusione dei noccioli di tre reattori della centrale, Greenpeace pubblica due rapporti che mostrano come la contaminazione continui ancora oggi. Montagne...

Assolti i “Cofrentes 17”, accusati per una protesta pacifica contro il nucleare

News | 17 dicembre, 2014 a 11:51 1 commento

La Corte penale di Valencia ha assolto tutti i 16 attivisti coinvolti e il fotoreporter indipendente che aveva documentato l’azione dalle accuse di disordine pubblico e lesioni.

Cofrentes17: la libertà di protesta a rischio in Spagna

Blog di Giuseppe Onufrio, direttore Greenpeace Italia | 4 dicembre, 2014

La libertà di espressione e di protesta è a rischio in vari Paesi del mondo e, tra questi, la Spagna. La reazione spropositata della Marina Militare spagnola durante l’azione di protesta al largo delle Canarie dello scorso...

Sistemazione dei rifiuti nucleari: il governo pesta l’acqua nel mortaio

Blog di Giuseppe Onufrio - Direttore Esecutivo Greenpeace | 20 novembre, 2014

La recente nomina a direttore dell’ ISIN , il costituendo Ispettorato Nazionale per la Sicurezza Nucleare e la Radioprotezione , di una persona non competente in materia, la cui identificazione è stata effettuata solo su “base...

Un anno senza nucleare e senza blackout in Giappone

News | 9 settembre, 2014 a 13:34 1 commento

Un compleanno speciale per il Paese del Sol Levante: i suoi reattori sono spenti da 12 mesi, senza blackout. E “in classifica” salgono efficienza energetica e rinnovabili.

In azione contro il nucleare, attivisti a processo in Francia: fra loro 7 italiani

News | 2 settembre, 2014 a 14:41

Fessenheim è la centrale nucleare più vecchia della Francia, ma i suoi impianti sono ancora in funzione. A processo però vanno i nostri attivisti che a marzo scorso ne hanno denunciato la pericolosità. Fra loro 7 italiani.

Non dimentichiamo Fukushima

Galleria di immagini | 11 marzo, 2014

Dimentichiamo il nucleare, ricordiamo le vittime di Fukushima

News | 11 marzo, 2014 a 11:53

A tre anni dalla catastrofe nucleare che ha coinvolto la città nipponica, non vogliamo dimenticare il disastro che ha devastato la vita di molti cittadini giapponesi nel marzo 2011.

1 - 10 di 280 risultati.

Categorie