OGM? No grazie!

Oggi gli OGM non mostrano alcun beneficio per i consumatori e gli agricoltori, ma solo per l'industria biotech. Queste multinazionali brevettano e vendono semi transgenici e sostanze chimiche collegate, in cambio di problemi e quesiti irrisolti per l'ambiente e la sicurezza alimentare.

Non è raro che gli OGM vengano presentati come il rimedio per la fame nel mondo o come un passo verso un'agricoltura rispettosa dell'ambiente. In realtà, gli organismi geneticamente modificati non sono altro che una sfaccettatura di un settore agricolo di stampo industriale, in cui l'uso di erbicidi e pesticidi è molto diffuso. Inoltre, il rilascio di OGM nell'ambiente comporta notevoli rischi, come la perdita di biodiversità, e molti altri addirittura imprevedibili.

Greenpeace si batte da anni contro il rilascio in ambiente degli Organismi Geneticamente Modificati (OGM), perchè sono portatori di troppi rischi per permetterne la diffusione. Sono un pericolo per l'ambiente, comportano rischi per la salute e minacciano gli equilibri economici e sociali. Sollevano, inoltre, questioni etiche che non sono state sufficientemente discusse.

Greenpeace si oppone alla coltivazione di OGM in campo aperto. Perché è una fonte di inquinamento genetico. Perché minaccia la biodiversità. Perché inevitabilmente contamina le coltivazioni tradizionali e biologiche.

Greenpeace non si oppone invece alla ricerca in un ambiente confinato (laboratorio), in particolare  in campo medico. Noi non siamo contro la ricerca o il progresso. Noi sosteniamo una scienza che sia a vantaggio di tutti e che rispetti l'ambiente.

Oggi, non è così. Gli OGM arricchiscono soltanto grandi aziende come Monsanto e Bayer. Gli organismi geneticamente modificati non hanno un rendimento superiore a quello delle colture tradizionali. Non sono più sicuri e non resistono alla siccità. Impoveriscono ulteriormente i piccoli agricoltori, standardizzando le pratiche agricole e minacciando la biodiversità.

Oggi rischiamo di ritrovarci gli OGM in tavola perché ci è stato negato il diritto di conoscere quale siano gli ingredienti geneticamente modificati presenti nella catena alimentare. Ai consumatori viene negato il diritto di poter scegliere. Gli OGM permettono a una piccolissima minoranza di decidere sul resto dell'umanità.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Vietare gli OGM a livello nazionale: accordo o trappola?

News | 12 giugno, 2014 a 16:17

I ministri dell’ambiente dell'UE hanno votato oggi l’accordo politico che darà ai Paesi membri il diritto di vietare gli OGM sui territori nazionali… ma più che un accordo, rischia di tramutarsi in un vero tranello!

A come ape

Pubblicazione | 20 maggio, 2014 a 11:06

Per tutelare i consumatori e l’ambiente e per superare l’attuale crisi degli impollinatori in Europa sono già diffuse pratiche di “Agricoltura Ecologica”. Lo studio integra ricerca scientifica e esperienza pratica di agricoltori e imprenditori...

Eden tossico

Pubblicazione | 28 aprile, 2014 a 11:35

Anche le piante sui nostri balconi possono contenere pesticidi dannosi per le api e gli insetti impollinatori.

L’Italia resta libera da OGM!

News | 24 aprile, 2014 a 18:23

Il Tar del Lazio ha rigettato il ricorso presentato da un agricoltore friulano contro il decreto interministeriale che vieta la semina del mais OGM della Monsanto (il MON810).

Api, il bottino avvelenato

Pubblicazione | 16 aprile, 2014 a 10:52

Analisi dei residui di pesticidi nel polline raccolto e stoccato dalle api (Apis mellifera) in 12 Paesi europei

Verso Expo 2015: Nutrire il pianeta senza Ogm

Video | 4 aprile, 2014 a 12:17

In Italia è allarme OGM, a un anno da Expo 2015, l'appuntamento che farà del nostro Paese la capitale mondiale dell'alimentazione. Consumatori, ricercatori, agricoltori, in rappresentanza di milioni di cittadini si mobilitano in attesa di una...

Gocce al veleno

Pubblicazione | 16 dicembre, 2013 a 11:21

Analisi sulla presenza di insetticidi neonicotinoidi nell’acqua di guttazione del mais

Una patata – OGM - molto bollente

News | 14 dicembre, 2013 a 12:59

Annullata in UE autorizzazione della patata OGM della BASF. Ora stop anche al mais 1507 Pioneer-DuPont!

Una nuova minaccia OGM in arrivo in Europa?

News | 7 novembre, 2013 a 12:02

Per la prima volta dopo tre anni e mezzo, ieri mattina a Bruxelles il collegio dei commissari europei ha avallato il dossier per l'approvazione della coltivazione in Europa di un nuovo mais transgenico, il Pioneer-DuPont 1507.

MON810. Una storia di mais, farfalle e rischi inutili

Pubblicazione | 31 luglio, 2013 a 10:15

Il mais Bt, compreso il MON810, è un rischio evidente per l'ambiente e per i sistemi agricoli, non solo in Italia, ma in tutta Europa.

1 - 10 di 176 risultati.

Categorie
Tag