Disegni nel riso per dare un calcio agli ogm

Dopo la Tailandia, Greenpeace porta la rice art anche in Italia. Un enorme disegno di circa 800 metri quadri è comparso in una risaia biologica nella provincia di Milano. Gli attivisti hanno lavorato diverse ore per tracciare la sagoma dello stivale italiano che calcia via gli OGM. Lobiettivo è proteggere il riso e lagricoltura italiana dalla minaccia dellingegneria genetica nel settore agro-alimentare.

Dettagli video



OGM? No grazie!

Oggi gli OGM non mostrano alcun beneficio per i consumatori e gli agricoltori, ma solo per l'industria biotech. Queste multinazionali brevettano e vendono semi transgenici e sostanze chimiche collegate, in cambio di problemi e quesiti irrisolti per l'ambiente e la sicurezza alimentare.

Non è raro che gli OGM vengano presentati come il rimedio per la fame nel mondo o come un passo verso un'agricoltura rispettosa dell'ambiente. In realtà, gli organismi geneticamente modificati non sono altro che una sfaccettatura di un settore agricolo di stampo industriale, in cui l'uso di erbicidi e pesticidi è molto diffuso. Inoltre, il rilascio di OGM nell'ambiente comporta notevoli rischi, come la perdita di biodiversità, e molti altri addirittura imprevedibili.

Greenpeace si batte da anni contro il rilascio in ambiente degli Organismi Geneticamente Modificati (OGM), perchè sono portatori di troppi rischi per permetterne la diffusione. Sono un pericolo per l'ambiente, comportano rischi per la salute e minacciano gli equilibri economici e sociali. Sollevano, inoltre, questioni etiche che non sono state sufficientemente discusse.

Greenpeace si oppone alla coltivazione di OGM in campo aperto. Perché è una fonte di inquinamento genetico. Perché minaccia la biodiversità. Perché inevitabilmente contamina le coltivazioni tradizionali e biologiche.

Greenpeace non si oppone invece alla ricerca in un ambiente confinato (laboratorio), in particolare  in campo medico. Noi non siamo contro la ricerca o il progresso. Noi sosteniamo una scienza che sia a vantaggio di tutti e che rispetti l'ambiente.

Oggi, non è così. Gli OGM arricchiscono soltanto grandi aziende come Monsanto e Bayer. Gli organismi geneticamente modificati non hanno un rendimento superiore a quello delle colture tradizionali. Non sono più sicuri e non resistono alla siccità. Impoveriscono ulteriormente i piccoli agricoltori, standardizzando le pratiche agricole e minacciando la biodiversità.

Oggi rischiamo di ritrovarci gli OGM in tavola perché ci è stato negato il diritto di conoscere quale siano gli ingredienti geneticamente modificati presenti nella catena alimentare. Ai consumatori viene negato il diritto di poter scegliere. Gli OGM permettono a una piccolissima minoranza di decidere sul resto dell'umanità.

Gli ultimi aggiornamenti

 

MON810. Una storia di mais, farfalle e rischi inutili

Pubblicazione | 31 luglio, 2013 a 10:15

Il mais Bt, compreso il MON810, è un rischio evidente per l'ambiente e per i sistemi agricoli, non solo in Italia, ma in tutta Europa.

Colture resistenti al glifosato nell'Unione Europea

Pubblicazione | 22 ottobre, 2012 a 13:04

Quale sarebbe l'impatto per l'Europa se venissero autorizzate coltivazioni geneticamente modificate tolleranti agli erbicidi di mais, soia e barbabietola da zucchero? Tale previsione - mai fatta prima - è stata commissionata da Greenpeace al noto...

Sperimentazioni di OGM in ambiente: un affare rischioso (e costoso)

Pubblicazione | 31 maggio, 2012 a 11:38

Perché le contaminazioni causate da campi sperimentali sono rilevanti? Perché dovremmo essere preoccupati della presenza di colture OGM sperimentali nei nostri alimenti? Coltivazioni convenzionali e biologiche possono essere contaminate da campi...

Resistenza agli erbicidi e colture OGM. I problemi legati al glifosato

Pubblicazione | 5 luglio, 2011 a 17:02

Resistenza agli erbicidi ed effetti negativi sulla biodiversità. Sono questi i temi trattati dal nuovo rapporto di Greenpeace, elaborato in collaborazione con GM Freeze: "Resistenza agli erbicidi e colture OGM. I problemi legati al glifosato".

I benefici della biodiversità nella coltivazione del riso

Pubblicazione | 29 settembre, 2010 a 0:00

La Cina è ilmaggior produttore di riso in termini di raccolto e il secondo per superficie seminata; il 93%delle risaie cinesi sono costantemente irrigate. Nel 2008, i risicoltori cinesi hanno prodotto 193milioni di tonnellate di riso da oltre...

Pagano i risicoltori

Pubblicazione | 29 settembre, 2010 a 0:00

Nell'agosto del 2006, il mercato del riso a livello mondiale è stato scosso dall'annuncio del Dipartimento americano dell'agricoltura (Usda) dell’avvenuta contaminazione dei raccolti statunitensi da parte di un riso Ogm, in fase di sperimentaz...

Il buon cibo andato a male

Pubblicazione | 10 settembre, 2010 a 0:00

Il nuovo libro della cucina OGM "Il buon cibo andato a male" Ricette transgeniche per un disastro sicuro

Il vero costo degli OGM

Pubblicazione | 15 luglio, 2010 a 0:00

Mentre l'industria biotech continua a propagandare l'ingegneria genetica come la soluzione per innumerevoli problemi, è nei nostri campi e nei mercati che si manifesta la vera realtà.

Nuove evidenze di rischi alla salute associati al mais Ogm

Pubblicazione | 4 marzo, 2010 a 0:00

Uno studio condotto da scienziati francesi presso le università di Caen e Rouen1 confronta i rischi per la salute associati a tre diversi mais Ogm (MON810, MON863 e NK603), prodotti dalla statunitense Monsanto.

Agricoltura al bivio

Pubblicazione | 14 novembre, 2009 a 0:00

Questa sintesi del rapporto "Agricoltura al bivio" fornisce alcuni principi che, anche se non applicabili in ogni singola circostanza, indicano comunque la via giusta da seguire in molti casi per un'agricoltura sostenibile.

1 - 10 di 23 risultati.

Categorie
Tag