Agricoltura industriale e inquinante

Pagina - 3 dicembre, 2010
Quanto è pericolosa l'ingegneria genetica in agricoltura? Affidarci a prodotti chimici tossici è l'unica via? L'applicazione in agricoltura del concetto “gli affari prima di tutto” può garantirci il cibo nel futuro?

Greenpeace si batte per salvaguardare la biodiversità e sviluppare un'agricoltura sostenibile, l'unica strada per garantire nel tempo cibo per tutti e la salute della Terra.

L'agricoltura è responsabile del 14% delle emissioni globali di gas a effetto serra. Un'agricoltura di stampo ecologico può contribuire a ridurre tali emissioni e aiutare gli agricoltori a far fronte ai cambiamenti climatici.

L'ingegneria genetica ci rende dipendenti da sostanze chimiche tossiche e sottopone l'agricoltura al controllo di poche aziende agrochimiche. Sottopone a rischi sconosciuti noi stessi e l’ambiente.

La contaminazione delle acque, meno aree dove pescare e parassiti più resistenti ai pesticidi: questi sono solo alcuni dei problemi derivanti dalla dipendenza dell'agricoltura industriale dai prodotti chimici tossici.

L'agricoltura di stampo ecologico è in grado di fornire il 30% in più di cibo per ettaro, permettendone l'accesso alle persone che ne hanno più bisogno.

Categorie