Soluzioni

Ingegneria genetica. Controllo del cibo da parte delle multinazionali. Dipendenza da erbicidi e pesticidi. Non è questa la soluzione. E allora? Agricoltura sostenibile. È sicura e realizzabile. Aiutaci a sostenerla per il futuro!

L'unica soluzione per lottare contro la fame nel mondo, preservando la biodiversità, è l'agricoltura sostenibile. A differenza degli OGM, permette di nutrire il pianeta e di proteggerlo. Essa si basa su una diversità di colture e pratiche agricole, la protezione degli ecosistemi, un più basso consumo di energia, di acqua e pesticidi. Promuove l'indipendenza dei piccoli agricoltori e del commercio equo. Esige una ricerca al servizio di tutti.

Valutazione dei rischi
Opporsi all'emissione in ambiente degli OGM non è contro la scienza. Ciò che serve è proprio una maggiore ricerca. Più ricerca sugli OGM per conoscerne meglio i rischi. Più ricerca che sia però indipendente dalle pressioni delle grandi aziende agro-industriali.

In Europa, il sistema di valutazione e autorizzazione degli OGM ha molte lacune e necessita di una completa revisione. Ciò deve includere lo studio degli effetti diretti, indiretti, cumulativi e a lungo termine degli OGM, per l'ambiente e la salute.


Il rispetto per la vita
Il principio che deve guidare la nostra riflessione in materia di OGM è il rispetto per il vivente. Ciò significa anche lasciare ad agricoltori e consumatori la possibilità di scegliere NON-OGM, rispettare l'ambiente e vietare la brevettabilità della vita.
È inaccettabile che poche multinazionali possano rivendicare il monopolio sulle sementi, sulle piante e il loro genoma, e depositare brevetti che garantirebbero loro la proprietà esclusiva. La vita non appartiene a nessuno. È il nostro patrimonio comune. Dobbiamo assolutamente impegnarci contro i tentativi della Monsanto e delle altre multinazionali di violare questo principio.

Nuova etichettatura 
Vi è una chiara richiesta da parte dei consumatori di prodotti senza OGM. I sondaggi lo dimostrano: la maggioranza di italiani ed europei sono scettici, addirittura ostili nei loro confronti. Questo fa si che sugli scaffali italiani siano praticamente introvabili prodotti a diretto consumo umano contenenti OGM.

Non è così semplice: gli OGM che respingiamo dalla porta, rientrano dalla finestra, rappresentata dai mangimi animali. Oggi, ci sono solo due modi per mangiare prodotti di derivazione animale (latte, carne, uova, formaggi, yogurt) ottenuti senza l'uso di OGM: acquistare prodotti biologici, oppure quelli prodotti dalle aziende che si sono prese in carico l'onere di escluderne l'uso e di specificarlo in etichetta in forma volontaria.
Questo non basta, è necessario rendere obbligatoria l'etichettatura di tutti i prodotti di derivazione animale per sapere se sono stati nutriti con OGM oppure no. Se questo non avviene, il diritto di sapere e la libertà di scelta di italiani ed europei continueranno a essere negati.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Topolini! Per il controllo delle nascite mangiate OGM

News | 2008-11-12 a 0:00

Il governo austriaco ha pubblicato uno studio molto preoccupante sui rischi sanitari legati agli OGM. La fertilità dei topi nutriti con mais OGM è risultata molto indebolita rispetto a topi alimentati con prodotti naturali: hanno generato una...

Crisi alimentare. Le bugie dell'industria Ogm

Pubblicazione | 2008-06-20 a 0:00

Questo rapporto presenta le vere soluzioni alla crisi alimentare e alla fame nel mondo. Non certo gli Ogm rivendicati dall'industria bio-tech né un uso più massiccio della chimica.

OGM. Falsa soluzione!

News | 2008-06-20 a 0:00

Da tempo l'industria biotecnologica prova a sfruttare la crisi alimentare e la fame nel mondo per imporre come soluzione gli OGM. È la più grande bugia del mondo biotech. Gli organismi geneticamente modificati, infatti, vengono utilizzati...

Anche la Romania Ogm-free

News | 2008-03-27 a 0:00

Il governo rumeno annuncia di mettere al bando il mais Ogm della Monsanto (MON810. Dopo Francia, Ungheria, Grecia, Austria, Polonia e Italia, la Romania è il settimo Paese in Europa a vietare le coltivazioni di mais transgenico. Greenpeace chiede...

I rischi del super-parassita OGM

News | 2008-02-08 a 0:00

Uno studio - pubblicato su Nature Biotechnology - dimostra che un parassita del cotone, il lepidottero Helicoverpa Zea, ha sviluppato la resistenza alle piante che sono state geneticamente modificate per uccidere gli insetti della sua specie.

Bruxelles. Lobby Ogm alle spalle della Commissione

News | 2007-11-29 a 0:00

Gli attivisti di Greenpeace sono entrati in scena a Bruxelles. Hanno eseguito una parodia di fronte alla sede della Commissione Europea: "travestiti" da lobbisti di aziende biotech chiedevano autorizzazioni per vendita e commercio di Ogm in...

Arte e cucina per salvare il Parmigiano

News | 2007-11-20 a 0:00

Evento di Greenpeace al Palazzo delle Esposizioni. L'artista Massimo Catalani e il cuoco Antonello Colonna aderiscono alla campagna Parmigiano-Reggiano libero da Ogm. Intanto - dopo più di 12.000 email di protesta inviate dai consumatori...

Budweiser. Birra ad alto tasso transgenico

News | 2007-10-08 a 0:00

Budweiser e riso OGM. È la denuncia di Greenpeace, che diffonde i risultati delle analisi condotte da un laboratorio indipendente. L'indagine rileva la presenza di riso transgenico, non testato, in uno dei birrifici della Anheuser- Busch, in...

"Mucche attiviste" al Sana. "Scaglie di creatività" nel web

News | 2007-09-13 a 0:00

Quest’anno al SANA, presso lo stand di Greenpeace, padiglione n.22, "mucche attiviste" incontreranno consumatori e produttori per parlare dei problemi legati agli OGM. Venerdì 14, ospite d’eccezione sarà lo chef testimonial Gianluca Leoni che...

Parmigiano Reggiano e OGM?

Video | 2007-07-16 a 16:30

Il Parmigiano-Reggiano è a rischio Ogm. Le mucche del Consorzio mangiano soia geneticamente modificata. E gli Ogm entrano nella filiera produttiva di uno dei prodotti italiani più famosi e apprezzati al mondo. Greenpeace vuole salvare il...

61 - 70 di 170 risultati.

Categorie
Tag