Soluzioni

Ingegneria genetica. Controllo del cibo da parte delle multinazionali. Dipendenza da erbicidi e pesticidi. Non è questa la soluzione. E allora? Agricoltura sostenibile. È sicura e realizzabile. Aiutaci a sostenerla per il futuro!

L'unica soluzione per lottare contro la fame nel mondo, preservando la biodiversità, è l'agricoltura sostenibile. A differenza degli OGM, permette di nutrire il pianeta e di proteggerlo. Essa si basa su una diversità di colture e pratiche agricole, la protezione degli ecosistemi, un più basso consumo di energia, di acqua e pesticidi. Promuove l'indipendenza dei piccoli agricoltori e del commercio equo. Esige una ricerca al servizio di tutti.

Valutazione dei rischi
Opporsi all'emissione in ambiente degli OGM non è contro la scienza. Ciò che serve è proprio una maggiore ricerca. Più ricerca sugli OGM per conoscerne meglio i rischi. Più ricerca che sia però indipendente dalle pressioni delle grandi aziende agro-industriali.

In Europa, il sistema di valutazione e autorizzazione degli OGM ha molte lacune e necessita di una completa revisione. Ciò deve includere lo studio degli effetti diretti, indiretti, cumulativi e a lungo termine degli OGM, per l'ambiente e la salute.


Il rispetto per la vita
Il principio che deve guidare la nostra riflessione in materia di OGM è il rispetto per il vivente. Ciò significa anche lasciare ad agricoltori e consumatori la possibilità di scegliere NON-OGM, rispettare l'ambiente e vietare la brevettabilità della vita.
È inaccettabile che poche multinazionali possano rivendicare il monopolio sulle sementi, sulle piante e il loro genoma, e depositare brevetti che garantirebbero loro la proprietà esclusiva. La vita non appartiene a nessuno. È il nostro patrimonio comune. Dobbiamo assolutamente impegnarci contro i tentativi della Monsanto e delle altre multinazionali di violare questo principio.

Nuova etichettatura 
Vi è una chiara richiesta da parte dei consumatori di prodotti senza OGM. I sondaggi lo dimostrano: la maggioranza di italiani ed europei sono scettici, addirittura ostili nei loro confronti. Questo fa si che sugli scaffali italiani siano praticamente introvabili prodotti a diretto consumo umano contenenti OGM.

Non è così semplice: gli OGM che respingiamo dalla porta, rientrano dalla finestra, rappresentata dai mangimi animali. Oggi, ci sono solo due modi per mangiare prodotti di derivazione animale (latte, carne, uova, formaggi, yogurt) ottenuti senza l'uso di OGM: acquistare prodotti biologici, oppure quelli prodotti dalle aziende che si sono prese in carico l'onere di escluderne l'uso e di specificarlo in etichetta in forma volontaria.
Questo non basta, è necessario rendere obbligatoria l'etichettatura di tutti i prodotti di derivazione animale per sapere se sono stati nutriti con OGM oppure no. Se questo non avviene, il diritto di sapere e la libertà di scelta di italiani ed europei continueranno a essere negati.

Gli ultimi aggiornamenti

 

La selezione “intelligente”: quando la scienza e il sapere degli agricoltori si...

Blog di Janet Cotter – Science Unit di Greenpeace Internat | 27 novembre, 2014 1 commento

Il miglioramento genetico delle piante è un elemento chiave per produrre cibo di varietà e qualità migliori. La selezione convenzionale è una pratica utilizzata dall’uomo da centinaia di anni ed è una tecnica che spesso ha richiesto...

Processo agli OGM

Blog di Federica Ferrario, campaigner OGM | 17 gennaio, 2013 20 commenti

C'è un settore che, nonostante la crisi, ha le carte in regola per uscirne meglio di prima. Un settore che ci invidiano in tutto il mondo e che sta a noi italiani far rifiorire e non permettere che venga omologato e schiacciato...

In Polonia nuovo bando agli OGM

Blog di Federica Ferrario, campaigner OGM | 8 gennaio, 2013

Anche la Polonia è entrata a far parte dei Paesi dove è ufficialmente vietata la coltivazione di OGM su tutto il territorio nazionale. Lo scorso 2 gennaio, infatti, il governo polacco ha approvato il divieto alla coltivazione di due...

Tortillas OGM? No grazie!

Blog di Federica Ferrario, campaigner OGM | 5 dicembre, 2012

Abbiamo bisogno del tuo aiuto! Il governo messicano potrebbe presto autorizzare la coltivazione di mais geneticamente modificato (OGM) in Messic o. Fino a oggi le comunità contadine locali e associazioni come Greenpeace sono riuscite...

Mais OGM: perché rischiare?

Blog di Federica Ferrario, campaigner OGM | 21 settembre, 2012 4 commenti

Per due anni, ricercatori guidati da Gilles-Eric Seralini , professore presso l'Università di Caen e membro del CRIIGEN (Comitato per la ricerca indipendente e sull'ingegneria genetica), hanno studiato ratti alimentati con mais...

Perché i prezzi del cibo aumentano?

Blog di Andrea Boraschi, campaigner Energia e Clima | 20 luglio, 2012 3 commenti

Negli Stati Uniti, uno dei più grandi Paesi produttori di frumento, soia e mais, il Department of Agriculture ha recentemente registrato una riduzione della produzione del 12% dovuta alle “scarse precipitazioni piovose associate a...

Il dovere di proteggere l’ambiente…anche se costa caro

Blog di Federica Ferrario, campaigner OGM | 22 maggio, 2012 2 commenti

Se camminando per strada ti accorgi che in un giardino c'è una tubazione da cui fuoriesce petrolio, che fai? Cercherai sicuramente di attirare l'attenzione per evitare un pesante danno ambientale. Se dopo che hai contattato tutte le...

Perchè mettere olio OGM sugli scaffali pugliesi?

Blog di mgiuglia | 16 febbraio, 2011 8 commenti

I nostri “detective di OGM” , nel corso di alcuni controlli, hanno scoperto due oli con soia OGM in vendita in alcuni supermercati pugliesi, prodotti dall’azienda barese Dentamaro Srl. Da quando nel 2004 è in vigore l'etichettatura...

Risotto agli OGM? No grazie!

Blog di Maria Carla | 10 settembre, 2009

Il riso è l’alimento base per metà della popolazione. Quello geneticamente modificato, invece, è una minaccia per l’agricoltura, la biodiversità ed è un possibile rischio per la nostra salute. Oggi il riso Ogm non è coltivato a...

1 - 9 di 9 risultati.

Categorie
Tag