Il diritto di sapere

Pagina - 2010-11-30

Le regole dell'etichettatura consentono ai consumatori italiani ed europei di essere informati  sulla presenza diretta di OGM negli alimenti ma non nell'intera catena alimentare.
Questo perché la normativa non si applica ai prodotti ottenuti da animali nutriti con OGM, come latte, carne, uova o formaggi.

L'etichettatura degli OGM non può prevenirne i rischi, ma almeno consentirebbe ai consumatori di compiere scelte informate. I sondaggi dimostrano che la maggioranza dei consumatori è contraria agli OGM, e questo per diversi motivi: di carattere ambientale, etico e per il rifiuto di un'agricoltura di stampo industriale.

Greenpeace continua a lavorare per informare sui problemi legati agli OGM e per avere un'etichettatura completa, che comprenda anche i prodotti ottenuti da animali nutriti con OGM. I consumatori hanno il diritto di sapere cosa mangiano e devono essere liberi di poter scegliere.

Categorie