Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

STOP TTIP: l'ICE era valida

News - 12 maggio, 2017
Una sentenza della Corte di Giustizia dell’Unione europea ha annullato la decisione della Commissione europea di bloccare la registrazione della petizione ICE per chiedere lo STOP del TTIP.

Si possono ignorare 3 milioni di firme?

Il 10 maggio, un sentenza del Tribunale dell’Unione europea ha annullato la decisione della Commissione europea di bloccare la registrazione della petizione STOP-TTIP. 

La Commissione europea deve smettere di nascondere la testa nella sabbia e partecipare alla discussione pubblica sul futuro della politica commerciale europea.  Non può continuare a ignorare le sempre più numerose voci critiche, altrimenti non farà altro che favorire amarezza e risentimento.
La politica commerciale europea deve diventare un volano per rafforzare i nostri diritti sociali e la salvaguardia del Pianeta in cui viviamo, non uno strumento per il commercio fine a se stesso
".

Così Kees Kodde, trade policy campaigner di Greenpeace, ha commentato la decisione del Tribunale dell’Unione Europea di annullare la registrazione della ICE, l’iniziativa dei cittadini europei che chiedeva lo STOP del TTIP (il controverso accordo commerciale tra Unione europea e USA).

Questa ICE aveva raccolto ben tre milioni di firme (il triplo di quelle previste dal quorum delle ICE) per chiedere la sospensione dei colloqui commerciali tra Europa e Stati Uniti, finalizzati a ratificare l’accordo commerciale più discusso d’Europa.

Siamo stati in prima linea contro questo trattato, denunciandone i rischi per l’ambiente, i diritti e la democrazia; ed abbiamo contribuito al raggiungimento del quorum della ICE, raccogliendo centinaia di migliaia di firme.

La ICE è uno strumento di democrazia previsto dalle norme europee in base al quale, di fronte ad un minimo di 1 milione di firme dei cittadini europei, la Commissione Europea deve dare una risposta ufficiale sul tema sollevato dai cittadini.

Nonostante siano state raccolte il triplo delle firme richieste per chiedere lo STOP del TTIP, la Commissione Europea nel 2014 ha bloccato la registrazione di queste firme, respingendo di fatto la ICE.  

Nel frattempo, i negoziati per il TTIP tra USA ed Europa sono stati sospesi a seguito dell'elezione del presidente Usa Donald Trump, ma il CETA (il trattato di libero scambio tra Unione europea e Canada, simile al TTIP) entrerà in vigore in via provvisoria nell’estate 2017.