Video shock. Tutto per una scatoletta

Se decidi di guardare questo video shock, avrai le prove di come metodi di pesca al tonno distruttivi stiano minacciando l'intero eco-sistema. Il filmato documenta come la pesca con i FAD uccide diverse specie marine tra cui squali, mante, tartarughe, balene e delfini. È stato girato da un pilota di elicotteri dell'industria del tonno su un peschereccio coreano nell'Oceano Pacifico. www.tonnointrappola.it

Dettagli video



Tonno a rischio

Il tonno è uno dei pesci più mangiati al mondo. Costituisce una parte fondamentale della dieta di milioni di persone. Ma è anche alla base del lussuoso mercato del sashimi. Le cinque specie di tonno più utilizzate a scopi commerciali sono: il tonnetto striato, il tonno pinna gialla, il tonno obeso, il tonno ala lunga e il tonno rosso. A livello globale le popolazioni di tonno sono a rischio.

Oltre due metri di lunghezza, 700 chili di peso, veloce e scattante come un cavallo, il tonno è uno dei re del mare. Come noi, è a sangue caldo e la capacità di regolare la temperatura del suo corpo gli permette di migrare attraverso gli oceani, nuotando migliaia di chilometri ogni anno e sopravvivendo in condizioni ambientali molto diverse.

Il tonno, però, non riuscirà a sopravvivere alla pesca industrializzata che sta minacciando gravemente il suo regno. A livello globale le popolazioni di tonno sono a rischio! Anni di cattiva gestione e pesca eccessiva hanno causato la crisi della maggior parte degli stock di tonno.

Il tonno rosso del Mediterraneo è ormai sull’orlo del collasso, si stima che il suo stock sia diminuito di circa l’80%. A peggiorare la situazione le catture “nascoste” della sempre più diffusa pesca pirata e l’utilizzo di metodi di pesca che causano la cattura di una moltitudine di specie ”accessorie” (o bycatch), tra cui esemplari giovani di tonno.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Un arcobaleno in fondo al mare

Galleria di immagini | 3 agosto, 2012

I tesori sommersi del Canale di Sicilia

Pubblicazione | 3 agosto, 2012 a 14:24

Greenpeace insieme a Ispra ha realizzato una spedizione scientifica nel Canale di Sicilia che documenta la biodiversità dei banchi d'alto mare.

Un arcobaleno in fondo al mare

Video | 27 luglio, 2012 a 13:23

Greenpeace e i ricercatori dell'Ispra sulla nave Astrea documentano la biodiversità dei banchi d'alto mare del Canale di Sicilia, utilizzando il ROV, il veicolo filoguidato dotato di telecamera che scende fino a 160 metri di profondità. C'è un...

Santa Rosalia salva il mare dalle trivelle

Video | 15 luglio, 2012 a 11:04

Continuano le attività del tour "U MARI NUN SI SPIRTUSA" di Greenpeace contro le concessioni petrolifere nel Canale di Sicilia. Questa sera gli attivisti dell'organizzazione hanno fatto sentire il loro messaggio durante una delle più importanti...

Una veleggiata in difesa del mare

Video | 14 luglio, 2012 a 15:59

Una nuova barca è arrivata nel Golfo di Palermo: Luna, la barca a vela di Greenpeace. Potrete incontrarla a San Vito, Trapani, Marsala e poi Sciacca, Agrigento, Pozzallo e fino a Catania e la riconoscerete per il messaggio sulla vela: "U MARI NUN...

Neri contro il petrolio

Video | 13 luglio, 2012 a 16:59

PALERMO, 13.07.12 - Questa mattina i bagnanti di Mondello si sono trovati ad assistere agli effetti disastrosi di uno sversamento petrolifero in mare. È la simulazione degli attivisti di Greenpeace che, "sporchi di petrolio", hanno aperto sia in...

Meglio l'oro blu dell'oro nero

Pubblicazione | 13 luglio, 2012 a 16:30

Nel Canale di Sicilia è in atto una vera e propria corsa all'oro nero. Negli ultimi anni compagnie grandi e piccole hanno moltiplicato le richieste per esplorazioni off-shore.

A Rio+20 nessun accordo per gli Oceani

Blog di Alessandro Giannì, direttore delle Campagne | 19 giugno, 2012

I ladri colpiscono spesso al buio, di notte. E questa notte, un gruppo di ladri - USA, Russia, Canada e Venezuela - ha rubato  l’ultima speranza per un accordo mondiale per la protezione delle acque internazionali. L’ Ocean Rescue Plan...

L'incidente del Mersa 2 all'Isola d'Elba

Pubblicazione | 14 giugno, 2012 a 16:58

Uno scoglio sbriciolato e ribaltato, qualche chilo di rottami metallici e forse qualche ciuffo di posidonia strappata. Per essere il bilancio dell’incagliamento di un mercantile di 90 metri è fin troppo leggero.

Giornata Mondiale degli Oceani. Dieci azioni per proteggerli

News | 8 giugno, 2012 a 16:00

Nella Giornata mondiale degli Oceani, pubblichiamo le linee guida da seguire per scongiurare il collasso della principale fonte di vita del Pianeta: il mare.

41 - 50 di 168 risultati.

Categorie