Cosa puoi fare tu

Attivati ora: è insieme che possiamo cambiare le cose!

#Biodiversità #Clima #Energia #Petrolio&Gas Basta investire su petrolio, gas e carbone!

Alluvioni, incendi, siccità: mentre la vita sul Pianeta è sconvolta da eventi estremi causati dai cambiamenti climatici, i principali istituti…

Partecipa
#Agricoltura #Biodiversità #Cibo #Consumi #Foreste Non mangiarti le foreste!

L’80% della deforestazione del mondo è causata dalla produzione intensiva di materie prime, soprattutto agricole: praticamente, cibo che divora le…

Partecipa
#Biodiversità #Mare Proteggi gli Oceani

Cambiamenti climatici, pesca eccessiva, estrazioni minerarie, trivellazioni, plastica: i nostri oceani subiscono di tutto per colpa dell’avidità umana. Spesso sono…

Partecipa
#Biodiversità #Clima #Petrolio&Gas Stop agli oleodotti

Chiedi alle banche di non finanziare progetti pericolosi per l’ambiente.

Partecipa
#Agricoltura #Biodiversità #Cibo Salviamo le api!

Le api fanno molto più del miele: aiutiamo gli impollinatori a non scomparire.

Partecipa
#Biodiversità #Mare Proteggi l’Antartide

Facciamo la storia: creiamo la più grande area marina protetta del mondo.

Partecipa

Publications

Giornata della Terra, Greenpeace: Il Pianeta si salva ad aprile! In un video con 12 artisti la richiesta di un PNRR ambizioso

Aprile 2021

In occasione della Giornata della Terra, Greenpeace Italia lancia il video "Una telefonata a Mario Draghi" in cui i protagonisti fingono di stare al telefono con il presidente del Consiglio.

Greenpeace: muri della morte, un rapporto denuncia come pratiche di pesca distruttive minaccino l’Oceano Indiano

Aprile 2021

Servono misure serie per contrastare la pesca eccessiva e fermare le pratiche di pesca distruttive che saccheggiano i nostri oceani.

Sit in al MEF: chiediamo un "WHATEVER IT TAKES" per il Pianeta!

Aprile 2021

Stamattina abbiamo presentato con un sit in davanti al MEF le nostre 10 proposte concrete per una vera transizione ecologica.

PNRR, Greenpeace al governo Draghi: «Whatever it takes per il Pianeta»

Aprile 2021

Greenpeace ha promosso un sit-in davanti al Ministero dell'Economia e delle Finanze per presentare dieci punti per una vera transizione ecologica

Tutela della biodiversità, grande assente nel PNRR

Aprile 2021

L’Italia ospita il più alto numero di specie vegetali e animali in Europa: perché non vogliamo proteggerle?

Il Pianeta si salva ad Aprile, maratona social per fare dell’Italia un Paese green

Aprile 2021

Il 30 Aprile il governo consegna il PNRR: facciamoci sentire!

Greenpeace in azione per la prima volta in mare contro l'industria mineraria che vuole sfruttare i fondali dell'Oceano Pacifico

Aprile 2021

La nave di Greenpeace Rainbow Warrior è entrata in azione contro lo sfruttamento minerario dei fondali dell'Oceano Pacifico.

Greenpeace incontra il ministro Cingolani «Confronto aperto e costruttivo. Il PNRR punti a una vera transizione ecologica, niente cedimenti alle solite lobby fossili»

Aprile 2021

Una delegazione di Greenpeace Italia ha incontrato oggi il ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani, per illustrare gli aspetti che ha rilevato come critici nelle bozze del PNRR

Next generation in dieci passi

Aprile 2021

Greenpeace Italia presenta i dieci punti per una vera transizione ecologica.

Rapporto Oms su origine Covid evidenzia rischi sanitari legati a perdita biodiversità e riduzione della zona cuscinetto tra fauna e uomo

Marzo 2021

Nel rapporto ufficiale sulle origini di SARS-CoV-2, OMS sottolinea i rischi potenzialmente letali di malattie dovute al contatto tra la fauna selvatica e le persone.

Białowieża, di nuovo a rischio ultimo lembo della foresta primaria europea

Marzo 2021

Il governo polacco ha annunciato un nuovo piano per la gestione della foresta di Bialowieza che minaccia i suoi habitat fragili e preziosi.

Quanto vale per noi l’acqua

Marzo 2021

E cosa siamo disposti a fare per proteggerla?

Proteggiamo il cuore verde dell'Africa!

Marzo 2021

Nella Giornata Internazionale delle Foreste, chiediamo il vostro aiuto per proteggere la foresta del bacino del Congo.

Oggi si sciopera per il clima, in tutto il mondo...e sott'acqua!

Marzo 2021

Nella giornata di azione mondiale per il clima, i Fridays e Greenpeace portano lo sciopero sott'acqua nel cuore dell'Oceano Indiano

Greenpeace: la carne venduta in Europa è legata alla distruzione del Pantanal

Marzo 2021

Lo dimostra l'ultima indagine di Greenpeace "Foreste al Macello III" sulle principali aziende di lavorazione della carne JBS, Marfrig e Minerva

Come la carne venduta in Europa distrugge il Pantanal

Marzo 2021

La nostra nuova indagine fa luce sugli impatti legati alla produzione e al consumo di carne sulle foreste del Sudamerica.

Foreste al Macello III - Il caso Pantanal

Marzo 2021

Continua il lavoro di Greenpeace per far luce sugli impatti legati alla produzione e al consumo di carne sulle foreste del Sudamerica.

Quei rimboschimenti non ci convincono

Febbraio 2021

Le “compensazioni” forniscono un comodo alibi per continuare a consumare il territorio

In Israele il petrolio ha causato un nuovo disastro ambientale, quando diremo basta ai combustibili fossili?

Febbraio 2021

Sulle spiagge sono stati rinvenuti animali - uccelli, tartarughe marine e pesci - ricoperti dal catrame.

Non bruciamo le nostre foreste per produrre energia!

Febbraio 2021

500 scienziati hanno inviato una lettera a 5 leader politici per chiedere di porre fine alla raccolta di biomasse di origine forestale per uso energetico.

Greenpeace Italia, Legambiente e WWF Italia ricevute dal Presidente del Consiglio incaricato Mario Draghi

Febbraio 2021

"Accogliamo con soddisfazione la creazione del ministero della transizione ecologica. Ora serve allineare il Recovery Plan italiano al Green deal europeo"

Messico finalmente libero da OGM e glifosato e Italia che resiste

Gennaio 2021

In Italia la battaglia per un'agricoltura ecologica, senza OGM e che riduca l'uso di pesticidi o erbicidi come il glifosato, incontra ancora ostacoli

Studio Greenpeace: Clima, le foreste dell’Ue con una gestione diversa potrebbero assorbire il doppio dell’anidride carbonica

Dicembre 2020

Nuovo studio commissionato da Greenpeace Germania sul potenziale delle foreste dell'Ue.

Il futuro delle foreste dell'Ue

Dicembre 2020

Nuovo studio commissionato da Greenpeace Germania all’istituto indipendente di ricerca “Natural Forest Academy”

Oltre 1 milione di firme in Ue per vietare i prodotti della deforestazione

Dicembre 2020

Si è conclusa pochi giorni fa la consultazione europea “Deforestazione e degrado forestale – riduzione dell’impatto dei prodotti immessi sul mercato dell’Ue” con oltre 1 milione di adesioni.

Oltre 1 milione di persone chiedono all'Ue di smettere di finanziare la distruzione delle foreste

Dicembre 2020

Ampia adesione alla consultazione europea “Deforestazione e degrado forestale – riduzione dell’impatto dei prodotti immessi sul mercato dell’Ue”

La Bellanova loda la PAC, ma è un ottimismo incomprensibile: non difende né l’ambiente né il reddito dei piccoli agricoltori

Novembre 2020

La Politica Agricola Comune premia le grandi aziende intensive e non è in grado di affrontare gli impatti dei maxi allevamenti

La crisi climatica in Africa è fuori controllo

Novembre 2020

Il riscaldamento globale accelera nel continente africano, le conseguenze possono essere devastanti

Sfuggire all’era delle pandemie proteggendo l’ambiente. Iniziamo dalla PAC

Novembre 2020

Più del 30 per cento delle malattie infettive emergenti sono attribuite al cambiamento di destinazione d'uso del suolo, espansione agricola e urbanizzazione

Stragi di api a causa dei pesticidi, adesso basta!

Novembre 2020

Le associazioni di apicoltori hanno denunciato l'avvelenamento di oltre 200 alveari e una moria che ha coinvolto più di 8 milioni di api

Russia, Greenpeace pubblica i primi risultati delle analisi relative al disastro ambientale in corso in Kamchatka

Ottobre 2020

Contemporaneamente, sta effettuando dei rilevamenti sui fondali marini con un drone subacqueo per capire quali siano le dimensioni del fenomeno

Kamchatka, un paradiso sotto attacco

Ottobre 2020

Uno scrigno di biodiversità dove nuotano diverse specie di balene, leoni marini di Steller, foche e lontre di mare è ora a rischio.

Kamchatka, ancora ignote le cause del disastro ambientale in corso. Greenpeace: «Insufficienti i dati delle analisi dei campionamenti ufficiali»

Ottobre 2020

Mancano le analisi di laboratorio sui tessuti e sugli organi degli animali morti, e nei campioni raccolti non sono stati analizzati i pesticidi.

Russia, attivisti di Greenpeace testimoni di un disastro ambientale in corso in Kamchatka

Ottobre 2020

Un team di Greenpeace Russia si è recato nella penisola per raccogliere testimonianze dirette dell’inquinamento del mare, ancora di origine ignota, nella regione.

Greenpeace: cresce la rete “Mare caldo” per monitorare gli impatti dei cambiamenti climatici sul mare. Al Plemmirio preoccupa l’espansione dell’alga Caulerpa e del vermocane

Ottobre 2020

Il Progetto “Mare caldo” di Greenpeace per il monitoraggio delle temperature marine vede oggi l’adesione di quattro aree marine protette.

Cresce la rete Mare Caldo per monitorare gli impatti dei cambiamenti climatici sul mare

Ottobre 2020

I nostri mari sempre più pieni di specie marine - tipiche di acque più calde - pericolose per la biodiversità

L’estensione del ghiaccio marino artico raggiunge il secondo livello più basso di sempre

Settembre 2020

Il National Snow and Ice Data Centre ha comunicato il dato relativo al 2020 dell'estensione minima del ghiaccio marino artico.

Artico, registrato il secondo dato più basso di sempre del livello di ghiaccio marino

Settembre 2020

Greenpeace, che si trova in questo momento nell'Artico con la nave Arctic Sunrise, commenta il dato relativo al 2020 dell'estensione minima del ghiaccio marino artico.

L’Europa lancia una consultazione pubblica sulla deforestazione: è ora di partecipare!

Settembre 2020

Non vogliamo essere complici della distruzione dell’Amazzonia o di altri ecosistemi preziosi

“Nuovi OGM”, da oggi è possibile rilevarli con un test

Settembre 2020

Un nuovo metodo open source consente di scovare colture OGM ottenute tramite editing genetico

Primo test open source per rilevare una coltura geneticamente modificata con editing genetico

Settembre 2020

Sviluppato il primo metodo open source in grado di rilevare in laboratorio colture che sono state geneticamente modificate tramite le nuove tecniche di editing genetico.

Greenpeace: si conclude la spedizione "Difendiamo il mare" nel Santuario dei Cetacei, tanti gli avvistamenti di balene e delfini, minacciati da plastica, pesca e traffico marittimo

Agosto 2020

La barca Bamboo della Fondazione Exodus di don Mazzi, partita il 16 luglio da Porto Santo Stefano, è rientrata all'isola dell'Elba con a bordo i ricercatori dell'Istituto Tethys.

Balene in pericolo: nei nostri mari è strage di cetacei

Luglio 2020

Tra le minacce troviamo la pesca, l’inquinamento da plastica, la diffusione di virus

Greenpeace: balene in pericolo, anche un virus le minaccia

Luglio 2020

Nella Giornata mondiale per la conservazione della natura, Greenpeace pubblica un rapporto sulle principali cause di spiaggiamento dei cetacei lungo le coste italiane.

Greenpeace: anche i tesori sommersi di Portofino minacciati dai cambiamenti climatici. L' AMP aderisce al progetto Mare Caldo

Luglio 2020

Greenpeace, con la barca Bamboo della Fondazione Exodus, impegnata nella spedizione “Difendiamo il mare”, è arrivata nell’Area marina protetta di Portofino.

Anche i tesori sommersi di Portofino minacciati dai cambiamenti climatici

Luglio 2020

L’Area marina protetta aderisce al nostro progetto “Mare caldo”

Microplastiche nei pesci.. e a tavola!

Luglio 2020

I risultati di uno studio condotto con i ricercatori dell'UNIVPM e CNR-IAS di Genova confermano la diffusa presenza di microplastiche in varie specie marine, comprese quelle che consumiamo abitualmente.

Microplastica e fribre tessili in pesci e invertebrati del Santuario dei Cetacei, lo conferma una ricerca di Greenpeace, UNIVPM e CNR-IAS

Luglio 2020

Esaminati oltre 300 organismi rappresentativi di diverse specie di pesci e invertebrati consumati abitualmente sulle nostre tavole come cozze, scampi e scorfani.

Greenpeace esegue monitoraggi nell'area delle balle nel Santuario dei Cetacei. Dopo 5 anni non c'è più tempo da perdere, bisogna rimuoverle subito!

Luglio 2020

La spedizione "Difendiamo il mare" fa tappa nell'area per capire se la plastica dispersa sui fondali ha generato un impatto nelle acque del Santuario e del Golfo di Follonica in…