#Biodiversità #Cibo #Consumi #Foreste

Olio di Palma, basta promesse!

Ettari di foreste vengono distrutte per piantare palma da olio.

Partecipa

Due anni di indagini sull’industria del legname nell’Amazzonia brasiliana dimostrano come il legno che proviene dal taglio illegale che distrugge la foresta viene venduto in Europa, Israele e Stati Uniti.

Con l’aiuto di casi studio sveliamo i molti modi con cui si riesce a frodare il sistema di controllo e far sembrare legale legname che in realtà non lo è.

In Brasile il sistema di controllo forestale viene aggirato facilmente: abbiamo documentato almeno cinque diversi modi per far diventare “legale” il legno tagliato illegalmente, pronto per essere venduto all’estero.

La foresta primaria viene tagliata e degradata, aprendo la strada a ulteriori attività di sfruttamento come l’allevamento e l’agricoltura estensiva. Il taglio illegale è anche causa di conflitti sociali, caratterizzato da fenomeni di lavoro schiavile e da atti di violenza contro chi vi si oppone.

Scarica i documenti sulle indagini di Greenpeace:

Allarme Amazzonia

Caso studio 1

Caso studio 2

Caso studio 3

Caso studio 4

Caso studio 5

5 modi di frodare il sistema

Le richieste di Greenpeace

Normativa dell’industria (ENG)

Mercato UE e EUTR (ENG)

Mercato USA e Lacey Act (ENG)

Mercato Israele (ENG)

Metodologia (ENG)

Glossario (ENG)