#Clima #Inquinamento #Petrolio&Gas #Salute

Aria pulita adesso!

Fermiamo lo smog, abbiamo il diritto di respirare a pieni polmoni.

Partecipa
Da un nuovo studio commissionato da Greenpeace al prestigioso istituto di ricerca tedesco DLR è emerso che solo terminando la vendita di auto a benzina, a gasolio e delle ibride convenzionali entro il 2028 sarà possibile, per l’Europa, rispettare gli impegni presi con gli accordi di Parigi.

 

Il rapporto chiarisce anche che il numero delle auto a benzina e gasolio circolanti sulle strade europee dovrà ridursi dell’80 percento entro il 2035, e che le auto con motori a combustione interna rimarranno tra le flotte europee fino ai primi anni ’40.

Il phase out dei motori ‘fossili’, alimentati con i derivati del petrolio, avrà effetti positivi non solo per il clima, ma aiuterà significativamente a migliorare la qualità della nostra vita, riducendo la crisi sanitaria che viene dall’inquinamento atmosferico e che in Europa provoca circa 400 mila morti premature l’anno.

Si tratta di una rivoluzione che si concretizzerà solo se i governi nazionali e l’industria dell’automobile si faranno pienamente carico della sfida per la difesa del clima. Nonostante ciò, il confronto tra il Parlamento Europeo e i Paesi membri dell’Unione riguardo ai tetti di emissione di gas serra per automobili e veicoli commerciali leggeri mostra, ad oggi, quanto i politici europei siano ancora lontani dal senso profondo di questa sfida.

Aiutaci a cambiare aria! Unisciti a noi e chiedi ai governi europei di garantire che la vendita di auto “a petrolio”, incluse le ibride convenzionali, termini entro il 2028!