ACCENDIAM0 IL S0LE!

Il sole può darci energia 100% rinnovabile! CHIEDI al Ministero dello Sviluppo Economico di accendere il sole nelle piccole isole e in tutta Italia!

{{errors.first_name}}

{{errors.last_name}}

{{errors.email}}

{{errors.phone_number}}

Firmando per Solarnia riceverai informazioni in linea con le tue preferenze e interessi su questa ed altre attività di Greenpeace. Tuteliamo la tua privacy.

{{counter}} hanno firmato. Arriviamo a !

Mentre il mondo va nella direzione delle rinnovabili e dell'efficienza, l'Italia è uno dei pochi paesi in cui aumenta la produzione da fonti fossili e le nuove installazioni di rinnovabili sono in crollo.

Le isole minori italiane rappresentano bene il paradosso energetico del nostro Paese: luoghi come Favignana, Lampedusa, Pantelleria, Ponza, Tremiti, Giglio (e altri ancora) – che non sono connessi alla rete elettrica nazionale - producono quasi tutta la loro energia elettrica dal petrolio. Una fonte non solo inquinante, ma costosa: l'energia così prodotta viene pagata da tutti noi con oltre 60 milioni di euro l'anno.
Questi soldi, sprecati per finanziare un sistema che rischia di trasformare il Mediterraneo in un mare di trivelle, possono e devono essere usati per un modello energetico rinnovabile e sostenibile!

Dobbiamo cambiare questo sistema ORA, spingendo le nostre isole, e l’Italia intera, verso un futuro 100% rinnovabile.

Per questo, con l’aiuto di circa 1000 persone abbiamo raccolto, in sole 2 settimane, i fondi sufficienti a regalare un impianto fotovoltaico da 40kW a Lampedusa: quale dimostrazione migliore del fatto che i cittadini vogliono un presente e un futuro 100% rinnovabile?

Con questo impianto il Comune risparmierà circa 200 mila euro. Con un simile risparmio in 5 anni si potrebbero comprare più di 100 lampade a Led per l’illuminazione pubblica, in 25 si potrebbe trasformare la sede del comune in un “edificio a energia quasi zero”, cioè in grado di produrre lo stesso quantitativo di energia che consuma e si eviterebbe l’immissione in atmosfera di quasi 300 tonnellate di CO2, l’equivalente di oltre 1 milione di km percorsi in auto!
Lampedusa è solo un esempio, che può e deve essere replicato in tutte le città d’Italia, in tutti gli edifici pubblici e le scuole, e sui tetti delle case di ognuno di noi.

Il Ministero per lo Sviluppo Economico sta scrivendo un decreto per modificare il sistema dei rimborsi legati alla produzione di energia sulle piccole isole, ma tutto è ancora fermo. E anche a livello nazionale, a fronte delle dichiarazioni di Renzi su “rinnovabili al 50% della produzione in Italia entro la fine del mandato”, il Governo continua a privilegiare le fonti fossili e ad ostacolare le rinnovabili.

È ora di fare una scelta. Basta petrolio e carbone: è la volta di sole, vento e efficienza energetica! L’Italia può farlo: ACCENDIAMO IL SOLE!