Caccia alle balene

Sovrasfruttamento, imbrogli ed estinzione: è questo il circolo vizioso degli interessi che si nascondono dietro la caccia commerciale alle balene e che spazzano via una popolazione di balene dietro l'altra. Anche dopo decenni di protezione, non siamo sicuri di poter recuperare alcune specie.

Le statistiche parlano chiaro. Le balenottere azzurre, in Antartide, sono l'1 per cento della popolazione originaria, nonostante quarant'anni di protezione totale. Alcune popolazioni di balene si stanno espandendo, ma altre no. Si stima che le balene grigie del Pacifico Orientale abbiano recuperato appieno la propria condizione originaria. Le balene grigie del Pacifico Occidentale, invece, sono le più minacciate in assoluto: contando circa cento esemplari, la specie è ormai sull'orlo dell'estinzione.

Non solo caccia

La caccia commerciale non è l'unico pericolo che le balene devono fronteggiare.  Negli ultimi cinquant'anni, da quando cioè si è cominciato a proteggere le balene, l'impatto delle attività dell'uomo sugli ecosistemi marini è profondamente cambiato.

Il cambiamento climatico, l'inquinamento chimico e quello acustico, l’aumento del traffico marittimo, lo sfruttamento eccessivo delle risorse ittiche mettono a repentaglio la sopravvivenza delle popolazioni di balene rimaste. La pesca industriale sottrae alle balene preziose risorse alimentari e le espone al rischio delle catture accidentali.

Nonostante le minacce aumentino e dal 1986 sia in vigore una moratoria sulla caccia commerciale, la Commissione Baleniera Internazionale (IWC) - organismo istituito per tutelare le popolazioni di cetacei – non è ancora stata in grado di fermare le nazioni baleniere. Norvegia, Islanda e Giappone continuano a cacciare. Quest’ultimo ricorrendo al pretesto della caccia effettuata a fini scientifici viola ogni anno il Santuario dell’Oceano Antartico (istituito nel 1994), uccidendo ogni anno oltre 500 esemplari di balene nell’area.

In realtà, il fronte a favore della caccia commerciale all'interno dell'IWC non riflette un cambiamento nell'opinione pubblica, ma è solo il frutto di una politica di acquisto di voti che da anni l'Agenzia di Pesca giapponese con invidiabile perseveranza porta avanti, reclutando nuove e piccole nazioni e offrendo appetitosi finanziamenti in cambio di un voto allineato.

Aspettative eccessive

Le aspettative troppo ottimistiche sul recupero delle popolazioni di balene si basano sull'assunto che, a eccezione della caccia commerciale, le balene sono al sicuro esattamente come potevano esserlo centinaia di anni fa. Purtroppo questa premessa non è più valida. Ed è per questo che noi di Greenpeace crediamo sia necessario fermare la caccia commerciale alle balene in ogni sua forma.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Un Piano Blu per la Sicilia

Pubblicazione | 5 aprile, 2013 a 11:48

Per scongiurare la minaccia delle ricerche di idrocarburi offshore nello Stretto di Sicilia e per ridare una speranza al nostro mare, bisogna partire dalla crisi delle risorse del mare e dalle potenzialità che esse hanno e su questo impostare...

Complotto in alto mare

Pubblicazione | 17 febbraio, 2011 a 11:21

Con questo rapporto, Greenpeace svela i gravi retroscena del rigassificatore offshore della OLT.

Sintesi in italiano - Piano di emergenza per salvare gli oceani del pianeta

Pubblicazione | 15 ottobre, 2010 a 0:00

I nostri oceani ci garantiscono la vita – ci forniscono ossigeno e cibo, e ospitano oltre l’80% delle specie del Pianeta. In cambio, saccheggiamo le loro risorse, li soffochiamo con l’inquinamento e stiamo alterando i loro ecosistemi con le...

Briefing - Serve un santuario, non un cimitero

Pubblicazione | 2 ottobre, 2010 a 0:00

Sono passati ben nove anni dalla Legge n. 391 dell’11 ottobre 2001 con cui l’Italia ratificava l’Accordo per il Santuario impegnandosi a proteggere un habitat importante per balene e delfini. Ma ad oggi ben poco è stato fatto! Il Santuario dei...

Complaint to CEC on posidonia

Pubblicazione | 26 maggio, 2009 a 0:00

Censimento cetacei nel Santuario Pelagos

Pubblicazione | 27 febbraio, 2009 a 0:00

Questo rapporto affronta in dettaglio, come è stato effettuato il censimento dei cetacei, con cenni sul metodo e un'accurata descrizione delle 12 specie di cetacei presenti nel Mar Mediterraneo.

Riserve marine ai raggi X

Pubblicazione | 24 luglio, 2008 a 0:00

Questo rapporto nasce dalla collaborazione di Greenpeace, DAN Europe (Divers Alert Network Europe) e NASE che, all’interno del progetto DES (Divers Environmental Survey), hanno effettuato un monitoraggio subacqueo in 11 aree marine protette (AMP)...

Acquacoltura: sfida alla sostenibilità

Pubblicazione | 29 gennaio, 2008 a 0:00

Questo rapporto - elaborato dagli esperti del Greenpeace Research Laboratories (University of Exeter, UK) – mette in guardia dai rischi dei metodi attualmente utilizzati nell'acquacoltura, indicando i principali problemi da affrontare e alcune...

Un rigassificatore off-shore nel santuario dei cetacei

Pubblicazione | 26 gennaio, 2007 a 12:31

Il rigassificatore OLT dovrebbe sorgere nell'area tutelata dall'Accordo sul Santuario dei Cetacei. Greenpeace è stata tra i promotori dell'idea di Santuario ma ha criticato l'Accordo che non ha sancito nessuna vera misura di tutela: dopo oltre...

Ritorno all'isola del Diavolo. Monitoraggio all'isola di Montecristo

Pubblicazione | 26 novembre, 2006 a 0:00

Nel mese di giugno, Greenpeace effettua un'immersione di monitoraggio sui fondali di Montecristo. I risultati sono sconfortanti: non si vedono pesci di grossa taglia. Il fenomeno potrebbe indicare una certa pressione di pesca. E sarebbe pesca...

1 - 10 di 11 risultati.

Categorie