#Consumi #Inquinamento #Mare

Più mare, meno plastica!

Il mare non è una discarica: chiedi alle aziende di abbandonare l’usa e getta.

Partecipa

©Noel Guevara/Greenpeace

Vi sarà già capitato (purtroppo) di vedere foto devastanti dell’inquinamento da plastica nelle Filippine. Montagne di rifiuti di plastica che hanno invaso paesaggi una volta incontaminati e di una bellezza che lascia senza fiato. Imballaggi di plastica galleggiano nei corsi d’acqua vicino alle case. Ci sono persone che passano le loro giornate a raccogliere pile di rifiuti, cercando di recuperare qualcosa dalla spazzatura del mondo.

Tutti dovrebbero sapere qual è la verità sulla plastica. Per questo, come avevamo annunciato, siamo salpati per farvi vedere ciò che sta accadendo al nostro Pianeta a causa della produzione fuori controllo di plastica usa e getta da parte delle multinazionali.

Il Sud-Est asiatico  è spesso accusato di essere la fonte dell’inquinamento da  plastica su scala globale. Ma queste foto rivelano una verità nascosta: i rifiuti di plastica che finiscono qui sono stati principalmente prodotti in luoghi come l’Europa e il Nord America.

In un rapporto pubblicato dalla Global Alliance for Incinerator Alternatives (GAIA), Nestlé e Unilever sono risultate le principali fonti di inquinamento da plastica nei censimenti dei rifiuti effettuati nelle Filippine.

Mentre le multinazionali continuano a fare profitti, nel Sud-est asiatico ci sono eroi che lavorano ogni giorno per affrontare la crisi dell’inquinamento da plastica con soluzioni concrete, e si stanno unendo ad attivisti provenienti da tutto il mondo. Dobbiamo spingere le multinazionali a smettere di inquinare il nostro mondo con la loro plastica usa e getta: è il loro modello di business che ha creato un mostro di plastica e devono assumersene la responsabilità.

©Noel Guevara/Greenpeace