#Consumi #Inquinamento #Mare

Più mare, meno plastica!

Il mare non è una discarica: chiedi alle aziende di abbandonare l’usa e getta.

Partecipa

Lanciamo questa settimana l’iniziativa #PlasticaZero con cui creare, insieme ai nostri volontari, una rete di locali che hanno deciso di “entrare in azione” per ridurre l’inquinamento da plastica dei nostri mari. L’obiettivo è semplice: costruire un network di bar e locali di ristorazione che si impegnano concretamente a non usare prodotti in plastica usa e getta.

Cosa significa per un bar essere a #PlasticaZero?

Diventare un locale #PlasticaZero vuol dire prima di tutto aderire ai nove punti del Manifesto ed eliminare i prodotti di plastica usa e getta più diffusi, dai bicchieri di plastica alle cannucce, dai piatti alle bottiglie. I locali entrati nella rete renderanno pubblica la loro adesione esponendo il logo dell’iniziativa, e si impegnano a promuovere attività per sensibilizzare i propri clienti e fornitori su tale problematica, ad esempio organizzando aperitivi plastic-free.

Manifesto #PlasticaZero

In un momento in cui troppo spesso vengono promosse false soluzioni, come le plastiche biodegradabili e compostabili non prive di impatti negativi sull’ambiente, i locali vogliono fare davvero la differenza eliminando fin da subito non solo alcuni prodotti in plastica usa e getta a cui dovranno comunque rinunciare tra qualche anno, ma anche quelli, come bicchieri o bottiglie, per i quali ancora non è previsto alcun bando a livello comunitario, e sostituirli con materiale durevole, evitando alternative usa e getta.

La nuova Direttiva Europea sulla plastica monouso prevede la messa al bando di prodotti usa e getta quali piatti di plastica, posate e cannucce entro il 2021, ma solo dei target di riduzione dei consumi dei bicchieri al 2026 e obiettivi di raccolta differenziata per le per bottiglie a partire dal 2027. Sostituire prodotti in plastica usa e getta con altri prodotti monouso come le plastiche compostabili e biodegradabili e la carta, con impatti ambientali non meno rilevanti, sposta il problema da un materiale ad un altro. Per ridurre davvero l’inquinamento da plastica bisogna ridurre i consumi a monte, trovando alternative lavabili e riutilizzabili. Un esempio può essere quello di dotarsi di un distributore di acqua, bicchieri in plastica rigida riutilizzabili… ma mai porre un freno alla creatività!

Sei gestore di un bar e vuoi aderire alla nostra iniziativa? Contatta il gruppo locale di volontari a te più vicino e chiedi i materiali informativi che potrai esporre nel tuo locale e sulle pagine social della tua attività! Facciamo crescere la rete!