Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

ENEL & carbone: un legame pericoloso

Se stai leggendo questa sezione è perché in Italia c’è chi ha un grande impatto sul clima, con le sue emissioni, ma rifiuta di prendersi carico delle proprie responsabilità. Questo qualcuno è l’ENEL, che invece di investire per far decollare le fonti rinnovabili preferisce usare ancora il carbone, la fonte energetica più nociva per il clima e la salute umana.

Il 72 per cento dell'elettricità prodotta in Italia con il carbone è fatta da ENEL; che con questo combustibile fossile produce il 41 per cento del prodotto nazionale. Greenpeace denuncia da anni questo stato delle cose, ancor più grave se si tiene conto che ENEL ha ancora oggi una forte partecipazione statale, che dovrebbe renderla partecipe dello sforzo di lotta al riscaldamento globale e di modernizzazione del settore energetico. A partire dal 2006, Greenpeace ha contrastato la scelta a favore del carbone dell’azienda elettrica, con azioni e campagne culminate – nel 2012 – nella campagna “Facciamo Luce Su ENEL”.

Con la campagna "Facciamo Luce Su ENEL" abbiamo reso pubblici gli impatti ambientali e sanitari e i costi scaricati su ambiente e cittadini del carbone utilizzato da ENEL per produrre energia elettrica.
Giuseppe Onufrio

Leggi il blog

Quest’ultima campagna, attraverso il meccanismo dell’indagine, ha messo sotto i riflettori ENEL, accumulando indizi a proposito del suo contributo all’aumento delle emissioni che stanno alterando il clima terrestre e dell’impatto sulla salute umana delle centrali a carbone di proprietà dell’azienda.

Dalla nostra indagine su ENEL è emerso che:

ENEL è il maggior emettitore in Italia di CO2: 36,8 milioni di tonnellate di CO2 emesse nel 2011 (4,6 in più rispetto alle quote assegnate all’azienda) e il quarto emettitore in Europa (78 milioni di tonnellate). ENEL, in Italia, emette una quantità di anidride carbonica pari alla somma delle emissioni attribuite al comparto dell’acciaio e del cemento, circa il 55 per cento in più di quanto attribuito ai grandi gruppi di raffinazione;

la produzione termoelettrica a carbone di ENEL è causa, in Italia, di una morte prematura al giorno e di danni al Paese (di natura sanitaria, ambientale ed economica) stimabili in circa 2 miliardi di euro l’anno; mentre in Europa quella stessa produzione causa quasi 1.100 casi di morti premature l’anno e danni per 4,3 miliardi di euro.

Questi, e altri indizi che potete approfondire attraverso i link alle pagine di questa sezione (colonna a destra), sono confluiti in un rinvio a giudizio dell’ENEL, che costituisce la base della nostra campagna.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Si arresta l’avanzata globale del carbone, Greenpeace: «Punto di svolta per il clima,...

Comunicato stampa | 22 marzo, 2017 a 12:37

Il numero di centrali a carbone in via di realizzazione nel mondo ha registrato un forte decremento nel 2016, principalmente per l’instabilità della politica industriale di alcuni Paesi asiatici. È quanto emerge dal nuovo rapporto “Boom and Bust...

Goliat, elefante bianco nell'Artico

Video | 16 febbraio, 2017 a 15:22

Trivellare l’Artico non è solo ingiusto, è anche difficile e nessuno può farlo senza pericoli. Nemmeno ENI. Questa è la storia di Goliath, gigantesco progetto petrolifero nell’Artico norvegese, diventato operativo nel marzo 2016. Al 1 settembre...

Non uno, ma due Babbi Natale per l’Artico

Blog di Alessandro Giannì, direttore campagne Greenpeace | 21 dicembre, 2016 2 commenti

La buona novella di fine 2016 è che Obama e Trudeau, Presidenti di Stati Uniti e Canada, si sono impegnati congiuntamente per la protezione dell’Artico . In gran parte di questi territori saranno vietate ora le attività di ricerca ed...

In azione su una piattaforma con un gommone volante!

Video | 10 ottobre, 2016 a 12:11

Abbiamo volato attorno alla piattaforma Vega, nello Stretto di Sicilia, già al centro di un processo per smaltimento illecito di rifiuti, con un messaggio chiaro: GO SOLAR! A Vega, nonostante la discarica marina abusiva, verranno realizzati 12...

In azione su una piattaforma con un gommone volante!

Immagine | 10 ottobre, 2016 a 10:52

Abbiamo volato attorno alla piattaforma Vega, nello Stretto di Sicilia, già al centro di un processo per smaltimento illecito di rifiuti, con un messaggio chiaro: GO SOLAR! A Vega, nonostante la discarica marina abusiva, verranno realizzati 12...

1 - 5 di 316 risultati.

Categorie