Un Mediterraneo pieno di plastica | Greenpeace Italia
Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Un Mediterraneo pieno di plastica

Pubblicazione - 23 giugno, 2017
I materiali di plastica rappresentano tra il 60 e l’80 per cento dei rifiuti marini. Rifiuti o frammenti di plastica sono stati trovati anche nei fondali abissali tra 900 e 3 mila metri di profondità, nelle specie commerciali come tonno e pesce spada e in aree ecologicamente importanti e protette. 

Riciclare non basta, dobbiamo risolvere il problema alla fonte. E L’Europa ha una grande responsabilità in quanto è il secondo produttore al mondo di plastica, utilizzata per lo più per la produzione di imballaggi monouso.

L’attuale revisione delle Direttive Ue sui rifiuti offre all’Italia e ai Paesi membri l’occasione di fare davvero un passo avanti contro l’inquinamento marino dovuto alla plastica. Come testimoniato da report “Un Mediterraneo di plastica”, la plastica è ovunque e quella visibile ad occhio nudo rappresenta solo la punta dell’iceberg.

Leggi il report “Un Mediterraneo pieno di plastica” 

Categorie