Le undici sostanze chimiche pericolose da eliminare

Con la campagna Detox vogliamo fermare l’avvelenamento dei corsi d’acqua da parte delle industrie che utilizzano sostanze chimiche persistenti in grado di alterare il sistema ormonale dell’uomo. Abbiamo lanciato una sfida ai maggiori marchi d'abbigliamento: eliminare tutte le sostanze tossiche dall’intera filiera produttiva e dall’intero ciclo di vita dei propri prodotti. Di seguito la lista delle principali sostanze chimiche pericolose da eliminare per un futuro libero da sostanze tossiche.

Alchilfenoli

Top

I composti alchilfenolici che comprendono i nonilfenoli, gli octilfenoli e i loro rispettivi etossilati - in particolare il nonifenolo etossilato (NPs) - sono composti alchil fenolici comunemente utilizzati. I nonilfenoli sono largamente utilizzati dall’industria tessile nei processi di lavaggio e tintura. Sono tossici per la vita acquatica, persistenti nell’ambiente perché non si degradano facilmente e possono accumularsi negli organismi viventi fino ad arrivare all’uomo attraverso la contaminazione della catena alimentare. La loro somiglianza con gli ormoni estrogeni naturali può interferire con lo sviluppo sessuale di alcuni organismi. Nei pesci, in particolare, sono causa di femminilizzazione. L’Europa applica una rigida regolamentazione sui nonilfenoli che, dal 2005, non possono essere utilizzati nella maggior parte delle applicazioni.

Ftalati

Top

Gli ftalati sono un gruppo di sostanze chimiche comunemente utilizzate per rendere più flessibile il PVC (plastica di cloruro di polivinile). L’industria tessile li usa nella pelle artificiale, nella gomma, nel PVC e in alcuni coloranti. Alcuni ftalati, come il DEHP (Bis(2- etilesil )ftalato), sono dannosi per la riproduzione dei mammiferi e possono interferire nello sviluppo testicolare durante i primi anni di vita.
Gli ftalati DEHP e DBP (dibutil fatalato) sono classificati in Europa come tossici per la riproduzione e il loro uso è stato limitato. Secondo il regolamento Europeo REACH, entro il 2015 sarà vietato l’uso degli ftalati DEHP, BBP (benzil butil ftalato) e DBP.

Ritardanti di fiamma bromurati e clorurarti

Top

Molti ritardanti di fiamma bromurati (BFR) sono sostanze chimiche persistenti (che non si degradano facilmente) e bioaccumulanti (capaci di accumularsi nella catena alimentare) presenti nell'ambiente. Gli eteri di difenile polibromurati (PBDE) sono uno dei gruppi più comuni di BFR e sono stati utilizzati per eliminare il rischio di infiammabilità di una vasta gamma di materiali, inclusi i prodotti tessili. Alcuni PBDE possono interferire con i sistemi ormonali della crescita e dello sviluppo sessuale. Secondo la legislazione europea, l’uso di alcuni tipi di PBDE è sottoposto a stringenti restrizioni  e uno dei PBDE è stato inserito nella lista delle 'sostanze pericolose prioritarie' ai sensi della legislazione europea sulle acque, che prevede l'adozione di misure per eliminare l'inquinamento delle acque superficiali in Europa.

Coloranti azoici

Top

I coloranti azoici rientrano tra i principali coloranti usati nell’industria tessile. Alcuni coloranti azoici, però, si dissociano durante l’uso e rilasciano sostanze chimiche conosciute con il nome di ammine aromatiche. Alcune ammine aromatiche possono causare tumori. L’Unione europea ha messo al bando l’uso di questi coloranti azoici che rilasciano ammine cancerogene nei tessuti e che possono venire a contatto con la pelle dell'uomo.

Composti organici stannici

Top

I composti organici stannici sono usati come biocidi (principi attivi che inibiscono qualsiasi organismo nocivo) e come agenti antimuffa in diversi prodotti di consumo. L’industria tessile li utilizza nei calzini, nelle scarpe e negli abiti sportivi per prevenire l’odore causato dal sudore. Il tribustagno (TBT) è tra i più noti composti organici dello stagno, in passato veniva usato principalmente nelle vernici antivegetative per le navi, fino a quando è emerso che persiste nell'ambiente, si accumula nel corpo e può colpire il sistema immunitario e riproduttivo. L’uso del TBT come vernice antivegetativa è ormai in gran parte vietato. Il TBT è stato utilizzato anche nel settore tessile.
Il TBT rientra nella lista delle 'sostanze pericolose prioritarie' ai sensi della normativa dell'Unione europea sulle acque, che prevede l’adozione di misure per eliminare l'inquinamento delle acque superficiali in Europa. Da luglio 2010 e gennaio 2012 i prodotti (compresi quelli di consumo) che contengono alcuni tipi di composti organostannici in quantità superiore allo 0,1% sono vietati in tutta l'UE.

Composti perfluoroclorurati

Top

I composti chimici perfluoroclorurati sono sostanze artificiali ampiamente utilizzate dall'industria per le proprietà antiaderenti e idrorepellenti. Nell'industria tessile vengono usati per realizzare prodotti tessili e pellame idrorepellenti e antimacchia. Test dimostrano che molti PFC sono difficili da smaltire perché persistono nell'ambiente e possono accumularsi nei tessuti e aumentare di livello attraverso la contaminazione della catena alimentare. Una volta assimilati dall’organismo, alcuni PFC hanno effetti sul fegato e, in qualità di interferenti endocrini, possono alterare i livelli di crescita e riproduzione ormonale.
Il più noto PFC è il perfluorottano solfonato (PFOS), un composto altamente resistente alla degradazione che persiste nell’ambiente anche per lunghi periodi. Il PFOS fa parte degli ‘inquinanti organici persistenti’ il cui uso è stato limitato ai sensi della Convenzione di Stoccolma, un trattato globale redatto per proteggere la salute umana e l'ambiente. Per taluni usi, inoltre, il PFOS è vietato anche all'interno dell’Europa e in Canada.

Clorobenzeni

Top

I clorobenzeni sono sostanze chimiche persistenti e bioaccumulanti utilizzate come solventi e biocidi nella produzione di coloranti e come intermedi chimici. Gli effetti dell'esposizione dipendono dal tipo di clorobenzene, tuttavia, essi comunemente influenzano la tiroide, il fegato e il sistema nervoso centrale. L’esaclorobenzene (HCB), la sostanza chimica più tossica e persistente di questo gruppo, è anche un distruttore ormonale.

L'UE classifica il pentaclorobenzene e l’HCB come 'sostanze pericolose prioritarie' ai sensi della normativa dell’Unione europea sulle acque, che prevede l’adozione di misure per eliminare l'inquinamento delle acque superficiali in Europa. Sono anche elencati come 'inquinanti organici persistenti' il cui uso globale è stato limitato ai sensi della Convenzione di Stoccolma, e per i quali, in linea con questo, né è stato vietato l’uso o prevista la riduzione ed eventuale eliminazione in Europa.

Solventi clorurati

Top

I solventi clorurati come il tricloroetano (TCE) sono utilizzati nell’industria tessile per sciogliere altre sostanze in fase di produzione e per la pulizia dei tessuti. Il TCE è una sostanza dannosa per l’ozono che può persistere nell’ambiente. È anche conosciuto per gli effetti su sistema nervoso, fegato e reni. Dal 2008 l’Europa ha drasticamente ristretto l’uso del TCE sia nei prodotti che nel lavaggio dei tessuti.

Clorofenoli

Top

I clorofenoli sono un gruppo di sostanze chimiche usate come biocidi (principi attivi capaci di inibire qualsiasi organismo nocivo) in un'ampia gamma di applicazioni, dai pesticidi ai conservanti del legno e dei tessuti. Il pentaclorofenolo (PCP) e i suoi derivati sono usati come biocidi nell’industria tessile. Il PCP è altamente tossico per gli uomini e può colpire diversi organi del corpo. È inoltre fortemente tossico per gli organismi acquatici. L'Unione europea ha messo al bando la fabbricazione di prodotti contenenti PCP dal 1991 e ora ha drasticamente ristretto la vendita e l’uso di tutti i prodotti che contengano questa sostanza chimica.

Paraffine clorurate a catena corta

Top

Le paraffine clorurate a catena corta (SCCPs) sono usate nell’industria tessile come ritardanti di fiamma e agenti di rifinitura per la pelle e il tessile. Sono altamente tossici per gli organismi acquatici, non si degradano rapidamente nell’ambiente e hanno un’elevata potenzialità di accumulo negli organismi viventi. Il loro uso in alcune applicazioni è stato ristretto nell’UE dal 2004.

Metalli pesanti: Cadmio, Piombo, Mercurio, Cromo VI

Top

I metalli pesanti come cadmio, piombo e mercurio vengono utilizzati in alcuni coloranti e pigmenti usati nell’industria tessile. Questi metalli possono accumularsi nel corpo per molto tempo e sono altamente tossici, con effetti irreversibili inclusi i danni al sistema nervoso (piombo e mercurio) o al fegato (cadmio). Il cadmio è anche noto per provocare il cancro.

Il cromo VI è utilizzato in alcuni processi tessili e conciari: è fortemente tossico, sono sufficienti basse concentrazioni, anche per molti organismi acquatici. Nell'UE il cadmio, il mercurio e il piombo sono stati classificati come ‘sostanze pericolose prioritarie’ ai sensi della normativa dell’Unione europea sulle acque, che prevede l’adozione di misure per eliminare l'inquinamento delle acque superficiali in Europa. L’uso di cadmio, mercurio e piombo è soggetto a rigorose restrizioni in Europa da diverso tempo, compresi alcuni usi specifici del mercurio e del cadmio nei prodotti tessili.