#Agricoltura #Cibo #Clima #Consumi #Salute

Ferma gli Allevamenti Intensivi

Quello che mangiamo oggi determina il mondo di domani: non mettiamo il Pianeta nel piatto!

Partecipa

Greenpeace ha commissionato una valutazione sull’utilizzo dei fondi pubblici erogati tramite la Politica Agricola Comune (PAC) dell’Ue. Il rapporto analizza in particolare le tendenze nel settore zootecnico europeo e l’uso dei terreni agricoli in Europa.

La ricerca mostra che il numero degli allevamenti in europa sta diminuendo, mentre la produzione di carne e prodotti lattiero-caseari si concentra in aziende  dalle dimensioni sempre maggiori.

Secondo i dati Eurostat, circa il 72 per cento degli animali allevati in Europa proviene da aziende intensive di grandi dimensioni. Il numero totale di allevamenti è diminuito di 2,9 milioni, ovvero di quasi un terzo, tra il 2005 e il 2013 a scapito solo delle aziende più piccole. L’Italia, per esempio, tra il 2004 e il 2016 ha perso oltre 320 mila aziende (un calo del 38 per cento), ma il numero delle aziende agricole molto grandi è aumentato del 21 per cento, e di quelle grandi del 23 per cento.

Rispetto all’uso dei fondi PAC  i dati mostrano che tra €28,5 miliardi e €32,6 miliardi vanno a beneficio degli allevamenti sempre più intensivi o delle aziende che coltivano prodotti destinati alla mangimistica – ovvero tra il 18% e il 20% del budget annuale complessivo dell’Ue – e che oltre il 71% di tutta la superficie agricola dell’Ue (coltivazioni, seminativi, prati per foraggio e pascoli) è destinata all’alimentazione del bestiame.

Il rapporto evidenzia come la PAC abbia contribuito a plasmare il settore zootecnico europeo verso un sistema sempre più intensivo, in controtendenza rispetto alle crescenti prove scientifiche dei danni arrecati al clima, all’ambiente e alla salute pubblica dalla produzione e dal consumo eccessivo di carne e prodotti lattiero-caseari.